Home Scuola Alvignano / Dragoni / Baia e Latina. Coraggiosamente contro il bullismo, la...

Alvignano / Dragoni / Baia e Latina. Coraggiosamente contro il bullismo, la Scuola che aiuta a crescere

Nella Settimana dedicata alla lotta contro il bullismo e cyberbullismo l'Istituto Comprensivo di Alvignano non è venuto meno all'impegno formativo nei confronti dei giovani alunni

786
0

“Stop bullying: prevenire e contrastare il bullismo a scuola” è il tema della riflessione che si è tenuta presso l’Istituto Comprensivo di Alvignano in occasione della Settimana della lotta contro il Bullismo e il Cyberbullismo (istituita dal Ministero dell’Università Istruzione e Ricerca nel 2017). Dopo i saluti della Dirigente Aida Cortese e della docente referente Giuliana Doti, gli alunni delle classi terze dei plessi di Alvignano, Dragoni e Baia e Latina si sono confrontati con l’avvocato penalista Antonio Salzano e la dottoressa Gabriella Carrino, psicologa e psicoterapeuta.
I temi hanno toccato da vicino l’esperienza dei ragazzi, immediatamente partecipi ed entusiasti per un confronto così “vicino” alle loro vite trattandosi inoltre di temi su cui la scuola si sofferma molto spesso coinvolgendo loro ma anche le famiglie. Impegno costante nel mettere in atto strategie di interventi utili ad arginare i comportamenti a rischio che possano degenerare in forma di violenza psicologica, verbale e fisica.
All’attenzione dei giovani studenti, attraverso l’intervento della dott.ssa Carrino, anche il fenomeno indiretto del bullismo da parte di chi ne è solo spettatore anche partecipando tramite i social alla condivisione di materiali che vedono vittime coetanei o persone fragili.
L’intervento dell’avvocato Salzano ha esposto le responsabilità penali del fenomeno; raccontando poi esperienze personali ha offerto ai ragazzi esempi di situazioni concrete su cui riflettere. Prima di salutarsi, c’è stato poi il tempo per il dibattito durante il alcuni ragazzi hanno trovato il coraggio di raccontare il proprio vissuto e porre domande. Una scelta coraggiosa che tante volte trova spazio e ascolto proprio a scuola, nell’ambiente in cui i ragazzi trascorrono buona parte del loro tempo e trovano adulti con cui aprirsi; la famiglia resta l’latro nido in cui mai smettere di dialogare, parlare, affrontare, ma soprattutto dedicare tempo e attenzione ai segnali (anche impercettibili) di un figlio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.