Home Chiesa e Diocesi Alife / Giornata mondiale del Malato: Vangelo e diritto alle cure, appello...

Alife / Giornata mondiale del Malato: Vangelo e diritto alle cure, appello del vescovo Cirulli alla giustizia sociale

436
0

Giornata mondiale del Malato con due impegni da mettere al centro, suggeriti ai credenti e alle istituzioni: Vangelo e giustizia sociale. Sono le rotte indicate dal Vescovo Mons. Giacomo Cirulli nell’omelia durante la Messa celebrata l’11 febbraio nella Cattedrale di Alife, sede dell’appuntamento dedicato agli ammalati per le Diocesi di Teano-Calvi, di Alife-Caiazzo e di Sessa Aurunca coordinato dagli gli Uffici di Pastorale della salute delle tre Chiese dell’alto casertano.

Il programma condizionato dalle avverse condizioni meteo, ha visto slittare la fiaccolata dalla chiesa di Santa Caterina alla Cattedrale, ma qui si sono ugualmente ritrovati tutti – il vescovo, i sacerdoti, gli ammalati, gli accompagnatori, le associazioni di volontariato – per la recita del Rosario e la Celebrazione eucaristica. In un clima di silenzio e raccoglimento la chiesa madre della città di Alife si è andata riempiendo di fedeli portatori di storie, di dolori, di attese, di speranza: i due volti della chiesa sofferente – ammalati e volontari assistenti – hanno deposto intimamente ai piedi della Vergine di Lourdes le loro preghiere ma anche la gioia di sentirsi famiglia che vicendevolmente si sostiene, si ascolta, si fida…

“Riflettere sulla relazione giusta che dobbiamo avere con la malattia: credere in Gesù Cristo che è via verità e vita e che, risorgendo dalla morte, ci ha donato la vita che non muore mai”: l’invito del Vescovo Giacomo Cirulli che, partendo dall’episodio evangelico del lebbroso guarito che si fa annunciatore della buona notizia, ha chiesto ai presenti la centralità del Vangelo nella propria vita e la fede nel figlio di Dio “ma anche quando il miracolo non arriva, anche quando persiste la condizione di sofferenza e dolore: in quel momento la malattia vissuta nell’intima relazione con Cristo è testimonianza forte di fede che rilancia la corsa del Vangelo tra l’umanità”. A questo particolare invito alla vita spirituale, il Pastore ha aggiunto un appello, un “dovere a cui come credenti non dobbiamo sottrarci: da veri discepoli di Gesù Cristo dobbiamo affiancare moralmente le persone che soffrono e fare di tutto perché ricevano gli aiuti necessari, quelli dovuti”. Appello alla giustizia sociale – ed è quella che chiede il Vangelo – che pur rivolgendosi ad un’assemblea di fedeli riuniti in preghiera bussa alle porte delle Istituzioni civili, alla coscienza di chi è deputato a garantire il diritto costituzionale alla salute che si realizza attraverso l’efficienza di servizi e il facile accesso alle cure mediche. E facendo riferimento all’esperienza vissuta in prima persona, Mons. Cirulli ha proseguito: “Nell’alto casertano, a Piedimonte Matese e a Sessa Aurunca ci sono due ospedali al cui interno opera personale altamente qualificato che non smette di inventarsi e reinventare strategie per rendere questi luoghi accoglienti e funzionali; eppure la grave carenza di medici e infermieri rischia di far naufragare sia il principio base del diritto alla salute sia il miglior progetto di efficientamento strutturale”. Si schiera dalla parte di quanti indossando camici e mascherine, percorrono le corsie dei nostri ospedali, trascorrono intere giornate in sale operatorie, passano tra i letti a chiedere ‘come va’, dilatando turni di lavoro e cuore pur di non trascurare i loro pazienti. Una grave piaga denunciata dal Vescovo, anche lui uscito da studi medici, che penalizza il sistema sanitario, che ferisce la dignità di pazienti e di operatori sanitari: “Dobbiamo dirlo, senza violenza, ma con determinazione che gli ospedali funzioneranno se ci sarà il personale per mandarli avanti”; il suo parlare si estende anche ad altri ostacoli che oggi sono sul cammino degli ammalati e delle loro famiglie: il costo di farmaci e il lungo iter per accedere ad esami diagnostici “perché siano alla portata di tutti”.

Alla solidarietà si è aggiunta la gratitudine per i volontari e le associazioni delle tre Diocesi che assistono gli ammalati presenti alla Cerimonia: l’Unitalsi, l’AVO, l’associazione Giacomo Gaglione, l’Associazione Umanità Nuova, i gruppi di Preghiera Padre Pio; i volontari preposti all’ordine pubblico, al soccorso e alla sicurezza quali il CISOM “Alexis” (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta) e la Protezione Civile. Attestato di riconoscenza all’universo di medici e infermieri lì dove chiamati a lavorare e ad intervenire; ai Direttori della Pastorale della Salute delle tre diocesi: don Pietro Robbio (diocesi Teano-Calvi), il diacono Raffaele Fazzone (Alife-Caiazzo), suor Giusy Pignatale (Sessa Aurunca). Dopo la benedizione e la foto di rito, scambio di fraterni saluti tra il vescovo Giacomo e gli ammalati e disabili presenti in chiesa.

Leggi anche
Il Vescovo Giacomo Cirulli all’Ospedale Ave Gratia Plena e in Cattedrale. Gli appuntamenti per la Giornata Mondiale del Malato. Clicca

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.