Home Territorio Volturno, operazione “Fiume sicuro”: sequestrata una discarica abusiva nel territorio di Castel...

Volturno, operazione “Fiume sicuro”: sequestrata una discarica abusiva nel territorio di Castel Campagnano

I Carabinieri Forestali di Formicola hanno accertato in una cava dismessa la presenza di rifiuti composti da materiali inerti non bonificati e da terre e rocce da scavo contenenti materiale plastico. Accade nei giorni in cui Enti ed Associazioni locali celebrano il Volturno e le sue bellezze in risposta al Contratto di Fiume stipulato con la Regione Campania

398
0

Del Volturno ne ammiri la bellezza del paesaggio che riesce a creare e la ricchezza del suo corso d’acqua, ma come accade in questi casi, non mancano occasioni per scorgere lungo le sue sponde forme di degrado e violenza inferta dall’uomo. I Carabinieri Forestali di Formicola durante una perlustrazione sul lato destro del corso d’acqua, lo scorso 9 aprile nell’ambito della campagna controlli “Fiume Sicuro”, in località “Marrochelle” del comune di Castel Campagnano, hanno accertato in una cava dismessa la presenza di rifiuti composti da materiali inerti non bonificati e da terre e rocce da scavo contenenti materiale plastico vario, etc., per un quantitativo stimato in 500 metri cubi circa.
Ancor più grave è che il deposito sia stato rinvenuto in prossimità di un laghetto artificiale, quindi facile per gli scarti di rifiuti penetrare le falde e inquinare le acque. Gli accertamenti  hanno fatto risalire alla provenienza degli stessi ad un’impresa edile che sta eseguendo i lavori di scavo e manutenzione presso il Cimitero comunale di Castel Campagnano. Non essendo stata prodotta alcuna autorizzazione per lo stoccaggio di detti rifiuti, i militari hanno proceduto al sequestro preventivo degli stessi ed hanno deferito in stato di libertà sia il legale rappresentante dell’impresa edile che sta eseguendo i lavori di scavo e manutenzione presso il Cimitero sia il conduttore dell’area interessata da tale illegale attività di gestione illecita di rifiuti speciali.

L’episodio accade nei giorni in cui da parte di Enti ed Associazioni locali, attraverso l’impegno con la Regione denominato “Contratto di Fiume” si celebra il Volturno attraverso iniziative di promozione e tutela del corso d’acqua più lungo del Mezzogiorno, ma anche della flora e della fauna che lo abitano e arricchiscono le campagne circostanti. Perseverare nella politica di tutela che educhino ogni tutti, nelle azioni di controllo e denuncia da parte di chi conosce i luoghi e regolarmente ne percorre sentieri o boschi, sostenere il lavoro delle Autorità preposte alla tutela dei luoghi e dei cittadini è l’impegno da condividere e assumere responsabilmente.

Per approfondire sui Contratti di fiume a cui partecipano i Comuni attraversati dal Volturno, leggi l’articolo che segue 

Contratti di Fiume, al via la Carovana del Volturno. Si comincia con Caiazzo, Piana di Monte Verna e Castel Morrone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.