Home Territorio Terra dei fuochi. Findus e Orogel in fuga dalla Campania, protestano gli...

Terra dei fuochi. Findus e Orogel in fuga dalla Campania, protestano gli agricoltori

1172
0

Il Fatto Quotidiano pubblica oggi la notizia secondo cui i due marchi non comprano più frutta e ortaggi nell’area del casertano e del napoletano, in un perimetro che comprende un territorio vastissimo. Gli agricoltori però protestano: “Colpite anche le produzioni sane, solo un’operazione di marketing”

verdure ortaggi campaniaDa ilfattoquotidiano.it – Le grandi aziende in fuga dalla provincia di Napoli e Caserta. Ma più che una minaccia, somiglia a un annuncio precauzionale. Un marchio, “Terra dei fuochi”, affibbiato a un intero territorio, usato con logica generalizzante, rischia di distruggere il settore agricolo, tra i motori economici dell’intera area.
Un documento dello scorso dicembre  firmato dal responsabile dell’area acquisti del settore agricolo della Findus, spiega: “C’è un’area della Campania nella quale sono vietate tutte le coltivazioni senza deroghe possibili”. In allegato al documento c’è una foto in cui è delimitata l’area in questione: così vasta da ricomprendere la provincia di Caserta e quella di Napoli, lato mare, da Mondragone fino a Licola, e nella parte interna, da Capua fino a Nola.
Abbiamo chiesto alla Findus in via ufficiale se il perimetro delimitato è basato su analisi scientifiche o unicamente sulla generalizzata dicitura ‘Terra dei fuochi’. Ecco la risposta via email: “Non abbiamo mai acquistato prodotti ortofrutticoli nella cosiddetta ‘Terra dei fuochi’. In via preventiva, abbiamo recentemente deciso di limitare ulteriormente le aree di approvvigionamento nella Regione Campania di patate e verze”.

L’articolo completo è su Il Fatto Quotidiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.