Home Chiesa e Diocesi “Beati noi, perchè Dio ci ha chiamati”. La preghiera tra cattolici, protestanti...

“Beati noi, perchè Dio ci ha chiamati”. La preghiera tra cattolici, protestanti e ortodossi a Piedimonte Matese

809
0

La Diocesi di Alife-Caiazzo si inserisce nel contesto di una preghiera universale che chiama a raccolta cattolici, protestanti e ortodossi

La Redazione – La prima esperienza di preghiera comune tra cattolici, protestanti e ortodossi ha trovato il consenso di molti e la convinzione che tutti, davvero tutti sono chiamati ad essere il popolo eletto di Dio.
Ieri sera nella chiesa di Santa Lucia a Piedimonte Matese si è tenuta la preghiera ecumenica in occasione della XLIX Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani; in tutto il mondo infatti i cristiani hanno pregato sull’unico tema Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio, curato per la Diocesi di Alife-Caiazzo dall’Ufficio liturgico diocesano.
Hanno guidato la preghiera don Emilio Salvatore, parroco di Ave Gratia Plena e il Pastore metodista della Chiesa evangelica di Napoli Leonardo Magrì.
Presente un discreto numero di persone di rito protestante e ortodosso che insieme ai fedeli cattolici della Diocesi hanno meditato le parole dell’apostolo Pietro “Ma voi siete la gente che Dio si è scelta, un popolo regale di sacerdoti” accompagnati nella riflessione dal pastore Magrì: “Essere sacerdoti – nella misura in cui ci indica l’apostolo Pietro – spetta a ciascuno di noi chiamati a consacrare tutta la vita a Dio perché Egli chiede di essere presente nella nostra vita ogni giorno”.

Non una vita qualunque, ma un’esperienza che dà sapore alle scelte personali e alla vita dei fratelli: la lettura del Vangelo di Matteo “Voi siete il sale, voi siete la luce….” “è la provocazione ad essere testimoni che con gioia guardano alla missione che Dio ci ha affidati; una missione che Dio ci affida con fiducia alla quale dobbiamo rispondere con gratitudine…”.
Ha parlato di dignità Magrì, e lo ha fatto chiedendo di guardare il mondo, di garantire dignità ai fratelli e le sorelle che attraversano la storia e “che Dio sostiene”.
Da più parti – tra i presenti – si è levata la richiesta di tornare a pregare insieme, di costruire insieme guardando all’uomo, al contesto in cui sono protagonisti i cristiani del territorio e a portare Dio nei segni della giustizia, della legalità, dell’amore, del bene comune, del rispetto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.