Home Territorio Caiazzo. Monte Carmignano, un dossier segreto e il dolore che resta

Caiazzo. Monte Carmignano, un dossier segreto e il dolore che resta

Venerdì 12 ottobre il sindaco Giaquinto ha consegnato la copia del dossier dei fascicoli relativi alle stragi nazi-fasciste in Italia all'Associazione storica Caiatina.

692
0

Noemi Riccitelli – Venerdì 12 e sabato 13 ottobre sono stati giorni della memoria per la città di Caiazzo.
La cittadina, infatti, ha commemorato il 75° anniversario dalla strage di Monte Carmignano, avvenuta nel 1943, nella quale persero la vita uomini, donne e bambini, che vivevano in un casolare in località San Giovanni e Paolo, vittime di un bombardamento ad opera di un commando nazista.
I giorni del ricordo hanno presso avvio venerdì 12 ottobre, con l’incontro-dibattito “L’Italia, la Germania e il futuro dell’Europa” presso il Piccolo Teatro Jovinelli, a Palazzo Mazziotti, ma soprattutto, in quel giorno è avvenuta la consegna da parte del sindaco di Caiazzo, Stefano Giaquinto, della copia del dossier depositato presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sull’occultamento dei fascicoli relativi alle stragi nazi-fasciste in Italia all’Associazione storica del Caiatino.
Il dossier è stato consegnato al sindaco nel 2005 dal senatore Luigi Marino perché venisse conservato e ora, 13 anni dopo, l’Amministrazione comunale ha deciso di darne la massima diffusione e, considerata l’attività di ricerca svolta dall’Associazione storica, di affidare anche ad essa la custodia di questa documentazione.
“Si tratta di un gesto simbolico per ribadire che la memoria di simili tragedie è un diritto, ma anche un dovere di tutta la comunità. All’Associazione storica, che ha seguito le vicende processuali in Italia e in Germania, riteniamo vada riconosciuto il compito di custodire la documentazione archivistica”, così ha affermato il primo cittadino Giaquinto.
Nel corso del convegno, anche la presentazione del saggio “Tra memoria e oblio, l’eccidio di Caiazzo” a cura di Nicola Sorbo.
Sabato 13 ottobre, invece, la commemorazione si è svolta presso il cimitero comunale, alle ore 10, con la deposizione della corona d’alloro presso il Sacrario delle Vittime di Monte Carmignano e alle ore 15:30, invece, la funzione religiosa nella “Cappella Santa Maria del Soccorso”.
La celebrazione è stata particolarmente sentita e vissuta pienamente da tutti coloro che hanno partecipato, cittadini, studenti, associazioni, istituzioni dei comuni limitrofi e anche il Presidente della provincia di Caserta, Giorgio Magliocca.
Infine, il 14 ottobre anche la visita inaspettata del Dr. Niklas Wagner, Capo Ufficio Politico dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania a Roma.
Wagner doveva essere presente alla cerimonia di sabato 13, ma è stato impedito da un imprevisto tecnico. Tuttavia, domenica 14 ottobre Wagner ha trascorso l’intera giornata a Caiazzo, anche senza cerimonie ufficiali, visitando il Cimitero Comunale e Monte Carmignano, confermando la necessità, l’importanza di ricordare l’avvenimento.
La memoria è un tesoro che va ben custodito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here