Home Scuola Piedimonte Matese. Disturbi del comportamento alimentare: la riflessione è tra gli studenti...

Piedimonte Matese. Disturbi del comportamento alimentare: la riflessione è tra gli studenti del De Franchis

Studenti attenti e coinvolti nella riflessione: sulle buone pratiche alimentari e sui rischi legati ad un difficile rapporto con il cibo. Attenti alla testimonianza di due genitori che hanno perso la figlia per gravi problemi legati al cibo

1139
0

Rosalia Capriata – I disturbi del comportamento alimentare non accennano a diminuire. In Italia interessano circa tre milioni di persone, in gran parte adolescenti,  e con la pandemia l’incidenza degli stessi si è fortemente acuita. Si tratta di un’epidemia sociale che miete vittime silenziose e famiglie disperate a cui non viene riconosciuta l’attenzione che merita.

Allo scopo di sensibilizzare alunni, docenti e genitori su questa tematica, venerdì 29 ottobre 2021, presso l’istituto De Franchis, si è tenuto dibattito dal titolo “Disturbi del comportamento alimentare, nemici da conoscere”, organizzato nell’ambito delle iniziative promosse dalla “Rete della Legalità” in collaborazione con l’Associazione Mitreo Film Festival e l’Associazione Caserta Film Commission.

Dopo i saluti di apertura del dirigente scolastico, dott. prof. Marcellino Falcone, l’incontro, moderato dalla professoressa Flora De Lise, docente di diritto ed economia politica e referente per la “Rete della Legalità”, e dalla dottoressa Paola Martucci, presidente dell’Associazione Mitreo Film Festival, è stato animato dall’intervento di diversi esperti: Giuseppe Rauso, presidente dell’Ass. Consult@noi, Rita Merola, vicepresidente Ass. OdV Emmepi4ever, Maria Concetta Ferriero, psicologa e psicoterapeuta membro Ass. S.I.P.I. Caserta, Federica Tessitore, psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale Emdr.

Grande commozione ha suscitato la testimonianza di Rita Merola e Giuseppe Rauso, genitori di Maria Paola, volata in cielo a causa di un disturbo del comportamento alimentare. Rita e Giuseppe hanno raccontato agli studenti del De Franchis di aver dovuto imparare a convivere con una ferita nel cuore, sempre aperta e sanguinante,  e che hanno cercato di orientare tutta la rabbia e le energie scatenate dal dolore verso l’altruismo e l’associazionismo, ascoltando e sostenendo chi soffre di DCA.

Significativi anche gli interventi della dottoressa Maria Concetta Ferriero e della dottoressa Federica Tessitore che, dopo aver illustrato agli studenti le caratteristiche dei DCA, le possibili cause e le conseguenze, hanno anche indicato come riconoscere i principali campanelli di allarme di un possibile disturbo alimentare, rispondendo anche alle numerose domande poste dagli alunni.

Nel pieno rispetto della normativa anticovid, all’incontro hanno partecipato con entusiasmo ed interesse tutte le classi del De Franchis. Alcune hanno seguito l’evento in presenza nell’auditorium della sede piedimontese dell’istituto, altre lo hanno fatto dalle proprie aule in collegamento su piattaforma Google Meet. Erano collegate a distanza anche tutte le altre istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado dell’ambito Ce-09.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.