Home Chiesa e Diocesi Chiesa Cattolica. A Roma per il Convegno del “Sovvenire”. Chiesa e territorio,...

Chiesa Cattolica. A Roma per il Convegno del “Sovvenire”. Chiesa e territorio, mettere “in comune” per essere segno di speranza

Dopo aver fatto ritorno, le tre diocesi, guidate da S.E. Mons. Giacomo Cirulli, ripartiranno in sinergia, con i tre incaricati che hanno partecipato al convegno: per la Diocesi di Teano-Calvi il diacono Massimo Sorvillo; per la Diocesi di Alife-Caiazzo Annamaria Gregorio; per la Diocesi di Sessa Aurunca don Enrico Passaro

899
0
Gli incaricati del Sovvenire in udienza da Papa Francesco

Annamaria Gregorio* –Avevano ogni cosa in comune: questo il titolo, tratto dagli  Atti degli Apostoli scelto per il Convegno che il Servizio Nazionale CEI di promozione al Sovvenire ha realizzato, dopo il lungo periodo di pandemia e che ha riunito a Roma più di trecento partecipanti da tutta Italia, tra Vescovi delegati, incaricati regionali e diocesani, nella storica Domus Mariae, oggi Carpegna Palace, dal 15 al 18 febbraio scorso.
Quattro giorni, densi di appuntamenti, particolarmente articolati tra conferenze e tavole rotonde, workshop formativi e momenti per rinfrancar lo spirito. Il primo di questi è stato sicuramente l’incontro con il Santo Padre del 16 mattina, preceduto dalla S. Messa in San Pietro, celebrata dal Cardinale Zuppi, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana (link). Dalla cattedra di Pietro, papa Francesco ha invitato a non perdere di vista la corresponsabilità, la comunione e la partecipazione, tre pilastri fondamentali e soprattutto di non stare a “balconear”, alla finestra a guardare, ma scendere in campo, come segno concreto di unione e di amore. Questo input ha dato l’avvio al convegno con un nuovo slancio ed entusiasmo, per una ripartenza.

Nel pomeriggio si è dato inizio ai lavori, con un primo momento dedicato al cammino sinodale, introdotto dalla preghiera guidata dall’Arcivescovo Donato Negro, Presidente del Comitato Sovvenire, che ha invitato alla speranza, virtù teologale, e a vivere il Sinodo da protagonisti. Il Segretario generale della CEI, S.E. Mons. Giuseppe Baturi ha esposto la storia del rapporto fra Stato e Chiesa riguardo al sostentamento, che rappresenta un’attuale sfida di valori. Il Responsabile nazionale, Massimo Monzio Compagnoni ha tracciato un quadro sullo scenario attuale di crisi, esponendo anche un’indagine, confrontando i dati e i risultati raggiunti.

A seguire, i fondamenti teologici sono stati il leitmotiv di ogni momento condiviso con importanti relatori.
“Cominciarono a parlare in altre lingue.” (At 2,4). Comunicare il Sovvenire ripartendo dal Territorio: momento dedicato al mondo della Comunicazione: il Sovvenire, e non solo, si serve della comunicazione; auspicarsi una comunità che valorizzi la comunicazione tra gli uffici e con il mondo esterno, per recare l’annuncio, come l’Evangelii gaudium suggerisce (EG 24 Prendere l’iniziativa, coinvolgersi, accompagnare, fruttificare e festeggiare). Per i giornalisti cattolici il territorio è un luogo teologico, guardando alla Gaudium et Spes; dentro i territori si deve cominciare a parlare; luoghi, fatti, codici, parole e gesti devono permettere al comunicatore di sapere cos’è il Sovvenire per divulgarlo, con i mezzi multimediali, augurando un maggior legame con le testate diocesane, come attività sinodale.

Roma, 16 febbraio 2023.
Convegno Nazionale Incaricati Diocesani sostentamento Clero – Sovvenire
Mauro Ungaro, Vincenzo Corrado, Vincenzo Morgante

“lo deponevano ai piedi degli apostoli; poi veniva distribuito…” (At 4,35). Il ruolo degli Istituti Diocesani Sostentamento Clero: momento dedicato al rilancio delle offerte: attraverso la storia del sostentamento per i sacerdoti, presentata da S.E. Mons. Luigi Testore, Presidente dell’ICSC, dal sistema beneficiale, basato anche sulla gestione dei possedimenti delle parrocchie, contrapponendo così parrocchie povere a ricche, creando sperequazione, ad oggi con il nuovo sistema, introdotto dal nuovo Concordato e dalla Legge n. 222/85, integrando con le offerte, con la possibilità della deducibilità fiscale.

…ogni giorno aggiungeva alla comunità quelli che erano salvati.” (At 2,47). Come allargare la comunità del Sovvenire, momento dedicato all’associazionismo e ai movimenti: ascolto, comunione, condivisione, solidarietà, eucaristia sono aspetti da vivere e testimoniare, con il senso della prossimità per gli altri, essendo custodi di attività generative, non diventando associazioni narcisistiche e vane. E’ necessario riscoprire i documenti del Concilio sul laicato, con un’esperienza di responsabilità, scrollando abitudini vecchie, per essere “luce e sale”.

Ma chi è il sacerdote oggi? In modo davvero magistrale, con la sua semplice ma incisiva interpretazione, insieme alla compagnia teatrale che gestisce, lo ha narrato, in serata, Michele La Ginestra, attore, commediografo, regista teatrale e conduttore televisivo, interprete della serie “Canonico” su TV2000, e che nella performance “E’ cosa buona e giusta”, da lui ideata, ha proposto l’immagine del prete di ieri e di oggi, con le differenze e le innovazioni delle due epoche a confronto, che deve affrontare la quotidianità, soprattutto per poter maggiormente accogliere il mondo giovanile, non dimenticando le esperienze formative della strada.

Gli incaricati delle Diocesi guidate da Mons. Giacomo Cirulli: da sinistra, Annamaria Gregorio, don Enrico Passaro, Massimo Sorvillo

Gli appuntamenti del giorno seguente sono stati modulati da Workshop multitematici, risultati raggiunti per le realtà territoriali e da testimonianze di buone pratiche, dando la parola a 12  incaricati di altrettante diocesi italiane, scelti in precedenza, tra cui l’esperienza di Alife-Caiazzo che si avvale del supporto del giornale diocesano per la diffusione e promozione del Sovvenire e della crescente collaborazione dei parroci che nei territori sono riusciti a stabilire una prima rete di contatti per sensibilizzare sul tema. Sabato la conclusione con l’innovazione all’insegna dei tempi: un nuovo portale www.unitiinrete.it a cui accedere e che rappresenterà il lavoro in rete di tutti gli incaricati in Italia, per essere segno concreto di comunione e di condivisione di bene.

*Incaricato diocesano Alife-Caiazzo

Il recente lavoro di sensibilizzazione realizzato nelle Parrocchie di Alife-Caiazzo è disponibile ai seguenti link RuvianoPiedimonte MateseCastel di Sasso; San Michele Arcangelo; Prata Sannita. 

L’intervento in assemblea di Annamaria Gregorio

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.