Home Arte e Cultura Sant’Agata de’ Goti. La vita e l’opera di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori...

Sant’Agata de’ Goti. La vita e l’opera di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori in un museo itinerante

Il Museo Itinerante si articola in due percorsi che raccontano la figura del Vescovo Santo attraverso opere d'arte e i luoghi della sua permanenza da Vescovo nel borgo beneventano. Domani, 29 settembre, si terrà il Convegno "Carta di Sant'Agata de' Goti. Dichiarazione su usura e debito internazionale" presso il Duomo cittadino

1339
0

Giovanna Corsale – L’esistenza e la predicazione di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori riecheggiano nel borgo di Sant’Agata de’ Goti, comune della provincia di Benevento, dove sempre viva è la presenza del Vescovo Santo che qui ha operato dal 1762 al 1775. A narrare la vita del Santo Dottore della Chiesa sono il Museo Diocesano, ubicato in una piccola chiesa risalente al XVI secolo, e il Museo Itinerante dei Luoghi Alfonsiani (MILA) inaugurati per la prima volta nel 1997 dall’allora cardinale Joseph Ratzinger e riaperti al pubblico il 18 luglio scorso. Tale iniziativa fa capo a un progetto con risorse a valere sul programma “Cultura Crea 2.0”, gestito da Invitalia e gestito dalla Cooperativa Sociale di Comunità iCare, voluta nel 2007 da mons. Domenico Battaglia oggi Arcivescovo di Napoli.

La figura di Sant’Alfonso, la cui spiritualità ha toccato anche le terre di Alife-Caiazzo (egli infatti, per un periodo di tempo, visse a Liberi sul Monte Maggiore), è cinta da un fascino inedito come dimostra la sua poliedrica personalità. Il Santo napoletano è stato pastore, teologo, scrittore, artista, ma anche giurista e fondatore, ruoli che rendono il suo un pensiero di grande attualità. Giustizia sociale, sviluppo dei popoli e ascolto misericordioso degli abbandonati sono alcune delle problematiche con cui Sant’Alfonso si è confrontato nel corso della sua missione e i temi oggetto del Convegno che si terrà domani, 29 settembre, presso il Duomo della comunità in cui ha svolto il suo Episcopato dal titolo Carta di Sant’Agata de’ Goti. Dichiarazione su usura e debito internazionale. Il dibattito sarà moderato da don Matteo Prodi, direttore della Scuola Diocesana di Impegno Socio-Politico, e vedrà gli interventi della professoressa Filomena Sacco dell’Accademia Alfonsiana di Roma; del professor Romano Prodi, già presidente del Consiglio dei Ministri e della Commissione Europea; del dottor Gennaro Sangiuliano, Ministro della Cultura; di mons. Giuseppe Mazzafaro, vescovo della diocesi di Cerreto Sannita – Telese Sant’Agata de’ Goti.

Sono due i percorsi nei quali si snoda il Museo Itinerante, costellati di testimonianze artistiche, che raccontano la presenza del Santo nel borgo beneventano, espressioni di una bellezza unica che merita di essere ammirata. Ricordiamo il Salone degli Stemmi, contenente 70 effigi, opere, lettere autografe, la Mitra e la Sede utilizzati dal Vescovo Santo. Degno di menzione, inoltre, è il cuniculo che si trova nella parte più antica dell’Episcopio, il luogo riservato in cui Sant’Alfonso si raccoglieva in contemplazione. Il secondo percorso, invece, rappresenta un viaggio storico e artistico che va dal Romanico al Barocco, attraverso i principali edifici architettonici della città. (Approfondisci qui)

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.