Home Territorio Piedimonte Matese. La biblioteca comunale “parla giovane”

Piedimonte Matese. La biblioteca comunale “parla giovane”

2306
0

Arti di Cviltà: poesia e pittura sulle pareti dell’edificio pubblico, l’arte dei graffiti cambia il volto di questo luogo

La Redazione – L’idea è nata dai giovani, e i giovani l’hanno realizzata in tutte le sue fasi avendone cura sin nei minimi dettagli: progettazione, organizzazione, realizzazione. Stiamo parlando dei graffiti che ornano la pareti esterne della Biblioteca comunale Aurora Sanseverino. Accostamento insolito, quello tra writing, poesia, e libri, ma che nell’evento intitolato Arti di Civiltà ha trovato un’originale realizzazione.
Tutto è nato osservando le pareti della biblioteca prese d’assalto da schizzi occasionali realizzati con bombolette spray, dall’aria di classico atto vandalico nei confronti di un’opera pubblica, e nel nostro caso di un bene pubblico. Da qui, Marco Altieri – per gli amici Furetto – e Giovanni Timpani – in arte Zonk – hanno presentato al comune di Piedimonte un progetto di writing art per dare alla biblioteca un nuovo aspetto, rivestendola secondo un linguaggio e un aspetto giovanili senza tradire la sua vocazione culturale: per questo motivo le pareti dell’edificio adiacente la Villa Comunale adesso ospitano i volti di Aurora Sanseverino, poetessa arcadica di Piedimonte, Dante Alighieri, William Shakespeare e Oscar Wilde.
biblioteca-comunale_piedimonte-matese3Qualche scambio di battute con l’artista che ha realizzato il lavoro, Giovanni Timpani, 25 anni, laureato all’Accademia di Belle Arti di Napoli: “Questo genere di arte ancora non è riconosciuta come tale, eppure anch’essa è l’espressione di un genio, anch’essa interpreta il linguaggio e il sentimento delle persone…forse nel nostro caso di una generazione più giovane”.
L’arte del graffito è un continuo “divenire”, la realizzazione di una scena nasce e si sviluppa non solo grazie alla presenza dell’artista che vi lavora, ma anche grazie a chi vive la strada insieme all’autore dell’opera: “Sono i passanti, la gente seduta a guardare e a commentare, i curiosi, gli amici…tutti sono parte attiva del lavoro, e di conseguenza, questo finisce per essere il lavoro di tutti”. Un vivace concetto di partecipazione, che ben traduce il significato di questa arte.
In realtà gli amici di Furetto e Johnny hanno dato più di un contributo, alcuni di loro sono studenti, altri sono in cerca di lavoro, ma per l’occasione hanno prestato gratuitamente e spontaneamente il loro tempo ripulendo e imbiancando le pareti della biblioteca: Francesco Cinotti, Maurizio Cioffi, Giuseppe Salomone, Alessandro Labriola, Luca Moscatiello, Marika Ricciardi, Arianna Bocchiddi.
Il progetto, che è stato presentato al Comune e che a trovato sostegno nella persona di Costantino Leuci, vicesindaco con delega alla Cultura, ha previsto anche la promozione di momenti di animazione in Villa, attraverso musica e stand. Anche in questo caso sono stati numerosi i giovani che hanno risposto all’appello, ognuno esponendo la propria arte pittorica, fotografica o di artigianato. E così sabato e domenica sera, la Villa ha rivissuto la festa che forse le mancava da un po’.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.