Home Attualità Coronavirus / Alto Casertano. Le nostre storie nell’anno che ha cambiato la...

Coronavirus / Alto Casertano. Le nostre storie nell’anno che ha cambiato la Storia. FOTO E ARTICOLI

La rassegna di alcuni articoli pubblicati su Clarus durante il 2020: storie di Chiesa, di lavoro, di volontariato, di umanità, di cultura, di speranza

756
0

I ricordi del 2020 sono storie vere e storie di umanità; lLe abbiamo raccontate su Clarus seguendo la pandemia e la vita delle persone. Abbiamo dedicato spazio ai dati nazionali, all’andamento die contagi in Campania e poi nei comuni del Matese e dell’Alto Casertano, ma più di tutto, non senza lo sforzo di connettere i pezzi di un tessuto che si andava sfilacciando (la mancanza di relazioni e di progetti nel territorio ha pesato) abbiamo raccontato la vita di chi non è fuggito da questa pandemia, ma in essa ha lavorato, sognato, pregato, aiutato…

Poi è giunta una richiesta dalla Federazione Italiana dei Settimanali Cattolici (FISC) di cui la testata diocesana è membra fin dal 2004: raccogliere la cronaca di Clarus sul Covid per farne, insieme a quella di altre 189 testate diocesane, un unico racconto che presto sarà un libro e a giorni un sito internet. Ancora una volta il lavoro delle redazioni diocesane diventa occasione che unisce l’Italia grazie al racconto dei territori e per i territori, grazie al racconto delle opere, piccole e grandi che la Chiesa (con i fondi dell’8xMille ma anche per la generosità di tante donazioni) in essi realizza per il bene delle persone, attraverso progetti educativi e culturali, per missioni pastorali, per esperienze di fede che riconducono a Cristo.

Delle nostre storie, solo alcune confluiranno nella raccolta nazionale che vede la collaborazione tra FISC e Associazione Corallo (che raccoglie radio e tv diocesane) e il supporto della Conferenza Episcopale Italiana, ma noi, in questo caso, vi proponiamo un più corposo diario di viaggio (seppur non totale di tutto ciò che abbiamo raccontato in questi mesi), in cui molti di voi si ritroveranno…
Buona lettura.

Diocesi: testimonianze e spiritualità

Caritas Alife-Caiazzo. La Quarantena, un viaggio di oltre 1.000 chilometri.
I volontari raccontano… (Clicca)
In breve: La Caritas diocesana ha fatto appello all’Azione Cattolica e al Servizio per la Pastorale giovanile chiedendo il sostegno dei giovani per il servizio quotidiano di ritiro di alimenti presso il Banco alimentare e per la distribuzione nelle parrocchie. Si è voluto non solo fare, ma attivare un processo educativo nei confronti dei più giovani. Nell’articolo la testimonianza dei giovani coinvolti.

In convento ai tempi del Coronavirus dove la preghiera “ti rende responsabile di ogni fratello…” (Clicca)
In breve: La comunità delle Suore di San Francesco di Sales presente nella Diocesi di Alife-Caiazzo racconta la propria esperienza di preghiera e di comunione di spirituale con la Chiesa e i fratelli durante il lockdown.

Coronavirus / Fase due. Quale Chiesa mi attendo? Come è maturata la mia fede? (Clicca)
In breve: Sono o stati numerosi gli interventi del vescovo Mons. Orazio Francesco Piazza, amministratore apostolico di Alife-Caiazzo, sul web: parole di accompagnamento rivolte a tutta la comunità, quella laica e quella dei credenti…
Nell’articolo, pubblicato all’inizio della “fase due”, il Pastore parla di prospettive future e di atteggiamenti da assumere sulla base dell’esperienza di distanziamento vissuto nei mesi precedenti: imparare a vivere la “presenza” secondo un diverso stile.

“Dal Matese al Mondo”. Facciamo insieme un pezzo di strada, come la Chiesa accompagna le speranze dei giovani (Clicca)
In breve: La biblioteca diocesana San Tommaso d’Aquino “chiama a raccolta” menti brillanti del territorio, che in loco o fuori dai confini regionali si sono affermati per professionalità e competenza. Sono per la maggior parte giovani. La loro testimonianza è raccontata ai giovani universitari cui si rivolge la proposta. Il tema vede al centro l’idea che il “piccolo borgo” può essere propulsore di idee brillanti, ma anche luogo di “ritorno”. La possibilità dello smartworking conferma il trend in tutta Italia, ossia il ritorno “a casa” di quanti in passato sono stati costretti a allontanarsi.

Territorio: lavoro, economia e racconti di vita

Festa del Lavoro / Matese. “Ricomincerò da dove non mi sono mai fermato…” (Clicca)
In breve: Maggio, festa del Lavoro, Clarus raccoglie le testimonianza di alcuni artigiani del luogo che raccontano la loro esperienza lavorativa durante i mesi di quarantena: le difficoltà economiche, il disagio familiare, la speranza nel futuro, la voglia di ripartire meglio di prima. Ad ispirare la narrazione, il Messagio dei Vescovi italiani per la Festa del lavoro 2020.

Coronavirus / Letino. “Io, positivo al Covid19, così ho salvato molte vite…” (Clicca)
In breve: La storia e la testimonianza di fede di un infermiere, Luigi Fortini, padre di famiglia, operatore pastorale nella comunità di Letino (Diocesi di Alife-Caiazzo), un centro di 800 abitanti (il comune più in quota della Provincia di Caserta) che alla partenza per il Nord dove avrebbe dovuto svolgere attività di “soccorso” negli ospedali in difficoltà , si è scoperto positivo al Covid19.

Gran Concerto Bandistico “Città di Ailano”, la crisi musicale da Coronavirus non frena il genio e la creatività; presto degli inediti sul web (Clicca)
In breve: Il Gran Concerto Bandistico “Città di Ailano” è una storica ed affermata realtà artistica presente nel territorio diocesano: vanta al suo interno musicisti adulti e giovani, padri di famiglia e persone in cerca di una stabilità lavorativa. Abbiamo raccontato la loro difficoltà, il loro appello alle istituzioni, e il loro impegno durante il lockdown per portare la tradizione bandistica sul web, nelle case della gente.

 

Scuola: didattica a distanza ed esami di maturità: testimonianze

Da “alunni a distanza” ad “alunni invisibili”. Luci e ombre sulla scuola al tempo del Covid19 (Clicca)
In breve: È la testimonianza di Ilaria Cervo, un’insegnante e catechista nella parrocchia di San Nicola de Figulis (Caiazzo). L’esperienza della Didattica a distanza e la difficoltà di raggiungere via web quegli alunni, le cui famiglie vivono da sempre profondi disagi sociali.

Covid19 e Scuola. Quegli alunni rimasti indietro, perché impegnati al lavoro…nei campi (Clicca)
In breve: Report sui limiti della Didattica a distanza a partire dall’analisi dei dati nazionali e di come nel territorio la Scuola ha vissuto l’esperienza delle “nuova” scuola.

Coronavirus. In Italia didattica a distanza sotto accusa. Ma dai maturandi del Matese un ‘grazie’ ai prof (Clicca)
In breve: La testimonianza di alcuni giovani mentre si preparano all’esame di maturità: dalle loro parole nessuna accusa al nuovo sistema della Didattica a distanza ma solo tanta gratitudine per il lavoro di Dirigenti e docenti, per la disponibilità h24 di questi mesi, per la premura manifestata nei confronti degli studenti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.